Tempo di lettura 1 min

a cura di Fabio Ciarla

Lo scorso 25 luglio il Mipaaft ha approvato una proposta di modifica al Disciplinare del Consorzio Vino Chianti Docg, la novità al momento è applicabile solo in ambito nazionale ed è attuata dalla vendemmia 2019/2020. Nello specifico si prevede l’allineamento del residuo massimo zuccherino ai parametri comunitari per i vini secchi. Il valore massimo sarà innalzato a 4g/l, oppure entro 9 g/l purché il tenore di acidità totale (in grammi di acido tartarico per litro) non sia inferiore di oltre 2 g allo zucchero residuo.

Rif: https://www.politicheagricole.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/14228

 

Entra in contatto!

Entra nella Community de Il Sommelier!

Incontra tanti winelover come te e condividi con noi la tua passione per il mondo del vino

Commenti

Ancora nessun commento