Tempo di lettura 2 min

L’opinione di Roberta Garibaldi, esperta di enogastronomia.

di Stefano Borelli

Il Sommelier Magazine Dallo yoga alla realtà virtuale come cambiano le visite in cantine

Professoressa Garibaldi il vino si conferma sempre più un fattore di attrazione turistica?

Sì, certo. Se infatti dai dati del 2017 era emerso che il 41% degli italiani in viaggio aveva visitato negli ultimi tre anni un’azienda vitivinicola e il 35% partecipato a un evento a tema, le ricerche relative al 2018 attestano la crescita di questi valori. Salgono rispettivamente al 56% e al 44%.

A cosa è interessato oggi l’enoturista italiano?

Il desiderio di fare esperienze enogastronomiche è divenuto, negli anni, un elemento trasversale che interessa non solo una cerchia ristretta di appassionati, ma un pubblico vasto, diversificato.  Il 28% dei turisti italiani ha infatti dichiarato di avere intrapreso almeno un viaggio motivato dal desiderio di visitare una cantina. E il 26% degli enoturisti è andato in tre o più cantine.

Quindi i turisti del vino cercano percorsi misti che coniughino esperienze enogastronomiche con le tradizioni del luogo che visitano?   

Esatto. Questo pubblico di appassionati gradisce soprattutto le visite ai monumenti, ai borghi e alle bellezze del territorio. C’è poi una larga fetta di persone che cerca trattamenti di rilassamento psico-fisico come lo yoga, oltre alla possibilità di trovare attività dedicate ai bambini. Per non parlare delle manifestazioni sportive come le gare podistiche tra le vigne, famose quelle delle Langhe, e le pedalate. Entrambe in forte aumento.

 Tra i nuovi enoturisti, in crescita sono soprattutto i Millenials?

Se fino a poco tempo fa il turista enogastronomico tipo era un soggetto di media età ad alto reddito, oggi sono i Millennials, ovvero i nati tra il 1981 e il 1998, a farla da padrone. Un segmento in forte crescita nell’ultimo anno in Italia che testimonia una maggior propensione a intraprendere esperienze enogastronomiche.

 

Il Sommelier Magazine Dallo yoga alla realtà virtuale come cambiano le visite in cantine

Questo contenuto è riservato agli Associati

Esegui il login per continuare la lettura!

Entra in contatto!

Entra nella Community de Il Sommelier!

Incontra tanti winelover come te e condividi con noi la tua passione per il mondo del vino

Commenti

Ancora nessun commento