PAROLA D’ORDINE SOSTENIBILITÀ: NASCE LA FONDAZIONE SOStain SICILIA

0
59
Tempo di lettura 3 min

INTERVISTA AD ALBERTO TASCA

Laura Grossi

Il Sommelier Magazine PAROLA D’ORDINE SOSTENIBILITÀ: NASCE LA FONDAZIONE SOStain SICILIA

Il Consorzio di Tutela Vini DOC Sicilia e Assovini Sicilia hanno costituito lo scorso giugno la Fondazione SOStain Sicilia per promuovere lo sviluppo sostenibile della vitivinicoltura siciliana: un progetto unico nel suo genere, nonché tappa importante per indirizzare le cantine verso la condivisione di best practice finalizzate al rispetto dell’ecosistema e alla trasparenza nei confronti del consumatore. La Fondazione – aperta a tutti i produttori del territorio siciliano – promuoverà, infatti, un sistema sempre più virtuoso di praticare la vitivinicoltura, basato su principi di sostenibilità ambientale, economica e sociale.
Alberto Tasca – CEO di Tasca d’Almerita e Presidente della neonata Fondazione SOStain – ci ha illustrato questo traguardo per il mondo del vino in Sicilia, prima regione italiana a sviluppare in modo unitario e condiviso un protocollo integrato di sostenibilità.

Com’è nata la Fondazione SOStain?
Il progetto SOStain nasce nel 2009 e nel 2017 ci sono state le prime certificazioni da enti esterni. Siamo partiti dalla convinzione che fosse imprescindibile una gestione sostenibile delle aziende e dei territori in cui esse operano e abbiamo quindi sviluppato un protocollo di sostenibilità includente tutte le migliori pratiche agricole e ambientali provenienti dai protocolli biologico, biodinamico, SQNPI, Viva e altri. Questa esperienza, condivisa anche con aziende del territorio nazionale e raffrontata con esperienze internazionali, ci ha fatto capire che le buone pratiche agricole e le azioni di miglioramento del livello di sostenibilità vanno contestualizzate nei territori in cui si opera. A causa della diversità pedoclimatica, le esigenze e le problematiche che abbiamo in Sicilia sono diverse da quelle dell’Alto Adige: da qui la necessità di istituire una task force che potesse sviluppare ricerca in termini di sostenibilità e applicazione nella nostra regione.

Questo contenuto è riservato agli Associati

Esegui il login per continuare la lettura!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Accetto la Privacy Policy