Tempo di lettura 2 min

Raffaella Melotti

“Tadashi, questa è un’astronave pirata, non lo discuto. Però allo stesso tempo è anche la nostra casa: non ti sembra che sia stupido fare cerimonie anche a casa propria? Quando si chiede a ciascuno di fare il proprio dovere, la disciplina è ferrea; ma terminati gli impegni d’emergenza o di lavoro, ognuno può dormire, giocare o fare tutto ciò che vuole. L’universo è enorme e il nostro è un viaggio interminabile: lo capisci questo, ora?“
Leiji Matsumoto fumettista e animatore giapponese
1978 Capitan Harlock, serie classica Space Pirate, Episodio 5, Ai confini delle stelle, Harlock

 

Questa personale riflessione nasce dall’attuale momento di difficoltà professionale e sociale, pieno di incertezza, con l’obiettivo di stimolare il Sommelier a sviluppare strumenti di marketing efficaci. Al Sommelier verrà chiesto di far fronte al cambiamento in relazione ai mutamenti esterni, appellandosi a pilastri quali la flessibilità e la capacità di adattamento.

Partiamo dalla realtà di oggi, analizzandola nei suoi tratti portanti per poi riflettere insieme.
La situazione attuale vede il mondo della ristorazione in ginocchio, il tessuto imprenditoriale
ingessato tra il fermo dovuto all’emergenza Covid-19, i margini bassi, se non inesistenti, e le spese alte; diventa necessario, per gli operatori tutti, la ricerca di un equilibro tra la capacità di reazione al cambiamento e l’innovazione adeguata ai nuovi bisogni del cliente, a fronte di una scarsa liquidità che incorpora l’uso di energie finanziarie proprie, spesso ridotte al minimo e sempre frutto di sforzi professionali passati. Cosa può fare il Sommelier che si trova ad operare in questi contesti lavorativi? Quali reali possibilità di manovra possiede e quali azioni può implementare in modo efficace?

Quattro punti stimolanti che vedono il Sommelier al centro per attuare pratiche che siano
condivise all’interno delle strutture operative. Gli scenari potrebbero essere tanti e sconosciuti ma convergendo su attività operative salde sarà possibile guidare l’astronave in un universo instabile:

1. Dare valore al marketing digitale, grazie all’ausilio dei social: video, dirette Facebook,
Instagram, piattaforme on line in cui gestire videoconferenze, meeting e webinar; l’obiettivo diventa sviluppare un dialogo diverso con i propri clienti e avventori e, il digitale, è al momento l’unica possibilità. Se prima il commensale era davanti a noi, ora è dietro ad uno schermo, a casa propria ed è questo l’unico modo per comunicare con lui. Sviluppare un progetto organico di interviste o temi, far sentire la propria presenza sul web e formulare percorsi di sviluppo di sinergie tra operatori anche tramite le associazioni del settore. Sarà opportuno accorciare la distanza imposta dalle condizioni reali, il Sommelier potrà manifestare al meglio le proprie competenze anche in modo virtuale per andare oltre alla fisicità dell’essere sul luogo di lavoro, del servire una bottiglia o del dialogo personale con il cliente.

Questo contenuto è riservato agli Associati

Esegui il login per continuare la lettura!

Entra in contatto!

Entra nella Community de Il Sommelier!

Incontra tanti winelover come te e condividi con noi la tua passione per il mondo del vino

Commenti

Ancora nessun commento