Tempo di lettura 2 min

Paolo Peira

Rimanendo al confine tra Veneto e Trentino troviamo la Doc Valdadige (o in lingua tedesca Etschtaler). Si tratta di una Denominazione di origine controllata interregionale in quanto le uve destinate alla produzione di questi vini possono essere prodotti nelle provincie di Trento, Bolzano e Verona. La Doc Valdadige è, dal punto di vista numerico, ben più rappresentativa della Valdadige Terradeiforti in quanto, con i suoi circa 1000 ettari, 130.000 hl di vino annualmente prodotto, equivalenti a oltre 17 milioni di bottiglie, si posiziona tra le prime 25 Doc più imbottigliate d’Italia, raggiungendo quasi l’1% del totale delle bottiglie prodotte nel nostro Paese. La zona di produzione della Doc Valdadige si sviluppa nell’anfiteatro morenico glaciale del fiume Adige, colmato da sabbie porfidiche e granitìche scese dalle alte catene montuose che fiancheggiano il lago di Garda. Il clima in cui crescono le viti è tipico della fascia prealpina e montana, con inverni freddi ed estati fresco -temperate; le temperature subiscono, specialmente in estate e in autunno, elevate escursioni notte-giorno.

Il Sommelier Magazine VALDADIGE TRA LE DOC ITALIANE PIÙ IMBOTTIGLIATE

 

Questo contenuto è riservato agli Associati

Esegui il login per continuare la lettura!

Entra in contatto!

Entra nella Community de Il Sommelier!

Incontra tanti winelover come te e condividi con noi la tua passione per il mondo del vino

Commenti

Ancora nessun commento