Tempo di lettura 3 min

CE NE PARLA L’AMBASCIATORE GARCIA DE ALBA

Stefano Borelli

Ne sentiremo parlare presto. Il vino messicano, prodotto nell’incantevole paese bagnato dal Pacifico e dai Caraibi e ricco di vestigia di civiltà antiche, sta sempre di più attirando l’attenzione. Cresce sia termini di superfici vitate che di qualità. Lo dicono gli addetti ai lavori e ce lo conferma l’Ambasciatore messicano in Italia Carlos Garcia de Alba, che abbiamo intervistato.

Il Sommelier Magazine VINI MESSICANI SEMPRE PIÙ ALLA RIBALTA

Il Sommelier Magazine VINI MESSICANI SEMPRE PIÙ ALLA RIBALTA

Ambasciatore, quale è lo stato di salute dell’economia messicana e quanto il settore agroalimentare incide sul prodotto interno lordo?
Il Messico come il resto del mondo è stato colpito dal Covid, quindi le cifre che verranno fuori nel 2020 saranno ovviamente al ribasso. Vorrei però sottolineare che l’economia messicana è sana e robusta. Il deficit fiscale è del 2,8 per cento e se fosse un paese dell’Unione Europea saremmo in regola con i parametri. Il debito pubblico è il 46 per cento del Pil, le riserve monetarie sono di circa 149 miliardi di euro, il tasso di inflazione è del 3,5 per cento. L’economia dunque gode di buona salute e il Pil cresce ogni anno del 2 – 2,5 per cento. Per quanto riguarda l’agroalimentare stiamo parlando di un contributo dell’8 per cento del Pil e, considerando che siamo la 15esima economia del mondo, è un contributo importante sia in cifre relative che assolute.

Ci può raccontare quando si è cominciato a bere vino in Messico?
A introdurre l’abitudine a bere vino sono stati senza dubbio gli spagnoli. Ci sono elementi che fanno pensare che i primi siano stati lo stesso Hernán Cortés e i suoi soldati. Tre anni dopo l’arrivo degli spagnoli, nel 1524 c’erano già infatti le prime normative per la coltivazione della vite. Va anche detto che il Messico è stato il primo paese del continente americano nel quale sono arrivati i vitigni europei. Da lì, si sono diffusi verso il nord, in California e verso il sud, in Argentina e in Cile. Poi, nel corso di tutta la storia coloniale si è continuato a produrre vino, le superfici vitate sono state ampliate e nuovi vitigni introdotti. Dopo l’Indipendenza del Paese nel 1821 c’è stato un rallentamento, ma negli ultimi 40 anni la ripresa è stata forte edoggi sono coltivati a vite circa 700 mila ettari.

Questo contenuto è riservato agli Associati

Esegui il login per continuare la lettura!

 

Entra in contatto!

Entra nella Community de Il Sommelier!

Incontra tanti winelover come te e condividi con noi la tua passione per il mondo del vino

Commenti

Ancora nessun commento